Gli azzurri saranno di scena al Comunale di “San Pio” nel penultimo turno di campionato. “Gara non facile, ma sarà indispensabile vincere – rimarca il preparatore dei portieri Ruggiero Amoroso – . Aspetteremo con interesse l’esito di Gravina-Corato, sarà partita vera”.

Importante vigilia per l’Unione Calcio, attesa domani dal penultimo impegno di campionato presso il Comunale “San Pio”, domicilio stagionale del Giovinazzo (fischio d’inizio ore 16.30).

Un turno con ogni probabilità decisivo per il campionato degli azzurri, la cui attenzione sarà inevitabilmente rivolta anche al match di cartello della 33esima giornata fra Gravina e Corato.

Indispensabile sarà affrontare al massimo il Giovinazzo, settimo in graduatoria con 45 punti e reduce dal pari esterno al cospetto della Fortis Altamura. “Purtroppo non siamo più nella condizione di decidere la nostra sorte – esordisce il preparatore dei portieri Ruggiero Amoroso – ma questo rende vitale la vittoria contro il Giovinazzo. Non sarà affatto una partita semplice, viste le buone doti del collettivo biancoverde che, seppur non abbia più obiettivi da perseguire in questo campionato, ci terrà a ben figurare tra le mura amiche. La squadra ha lavorato bene in settimana ed è pronta a dare il massimo. L’intento è quello di ripagare gli sforzi della dirigenza coronando una stagione che ci ha visti competitivi su tutti i fronti sino all’ultimo”.

La certezza di aver un solo risultato a disposizione sul sintetico alle porte del capoluogo fa il paio con la convinzione che tra Gravina e Corato sarà partita vera. “Sicuramente buona parte del nostro destino dipenderà dall’esito di questo match – afferma Amoroso – , personalmente sono convinto che le due squadre non si risparmieranno. Conosco in prima persona l’ambiente coratino nonché Loseto e buona parte dei giocatori avendo avuto il piacere di collaborare con loro negli scorsi anni. Il Gravina ha nel suo dna la vittoria essendo composto da uno staff con la mentalità da professionisti. In più, nonostante il campionato sia già al sicuro, la squadra ci terrà a festeggiare dinanzi al proprio pubblico riscattando la sconfitta dello scorso turno. Il Corato, d’altro canto, vorrà blindare il secondo posto. A noi, invece, toccherà fare risultato pieno contro il Giovinazzo e aspettare il verdetto della gara di Gravina”.

Il preparatore azzurro sposta poi l’attenzione sull’analisi della stagione dei “suoi” portieri: “Posso ritenermi soddisfatto del lavoro svolto con loro – dice – . Delfino, dopo un’iniziale fase di ambientamento, si è riscattato inanellando buone prestazioni. L’infortunio ha rischiato di bloccarlo pesantemente, ma Napoletano lo ha sostituito alla grande. Entrambi sono stati decisivi in molte occasioni”.

Per il match contro il Giovinazzo non sarà disponibile Bufi, squalificato. Stessa sorte per i biancoverdi Vernice ed Angelico.

L’incontro sarà diretto da Daniele Labianca di Foggia, coadiuvato dagli assistenti Angelo Dilucia e Giovanni Pio Di Benedetto, provenienti dalla medesima sezione.

 

Addetto Stampa Unione Calcio Bisceglie

Valentina Sinigaglia